Spazi e difetti

Ho bisogno
dei miei spazi.
Quelli
dove ci sei
anche tu.

//

Quando mi ricordo
che non posso averti
penso ai tuoi difetti
per facilitare il distacco.
Il problema
è che amo
anche quelli.

Annunci

I ragazzi

I ragazzi delle elementari prendono in giro le compagne quando sono interessati, prendono in giro chi sta con le femmine. I ragazzi delle elementari scappano all’uscita di scuola e si girano a guardare le compagne facendo la linguaccia. I ragazzi delle elementari danno un bacio sulla guancia e i genitori battono le mani felici e sorridono, mentre loro non capiscono.
I ragazzi delle medie iniziano a non prendere in giro chi sta con le ragazze ma prendono comunque in giro le ragazze con l’umorismo per farsi piacere. Iniziano a sfiorarle sentendo le farfalle nello stomaco che hanno ali ancora troppo piccole. I ragazzi delle medie accompagnano per un pezzo di strada le ragazze con lo zaino su una spalla, per fare i duri, e tornano a casa con le contratture, mentre le ragazze sorridono facendosi notare. I ragazzi delle medie danno il primo bacio e chiedono se è piaciuto, se si fa così e hanno il chewing gum per coprire la puzza di fumo che fa tanto trasgressione. Gli studenti del liceo vengono in motorino e danno passaggi, poi hanno la macchina e portano alle feste. I ragazzi del liceo saltano la scuola, occupano classi e si fanno eleggere per parlare col megafono e le ragazze li ascoltano. I ragazzi del liceo baciano seduti sul sellino o sui sedili davanti separati solo dalla leva del cambio e dalla paura. I ragazzi dell’università possono scegliere, sono fuori sede o meno, hanno soldi da gestire e non devono aspettare che i genitori siano fuori per fare una festa solo per invitare quella che vogliono ma devono invitare altre 30 persone per non farlo capire. I ragazzi dell’università baciano mentre sottolineano libri di 300 pagine o al portone di casa guardando e agognando un invito.
E poi? E io? Non ho una risposta. Siamo tutti un po’ o per nulla questi ragazzi. So che quando li guardo e ci guardo, mi fa sorridere sentirmi allo specchio. E mi chiedo adesso che ragazzo fossi stato alle elementari, alle medie, al liceo e all’università. E, mentre me lo chiedo, sorrido per le mie e le contratture di tutti noi.

L’ultima con cui fare le cose assieme

Tendenzialmente, in passato, quando guardavo un film pensavo sempre, mi chiedevo quando avevo accanto una donna: “sarà lei la donna con la quale guarderò tutti i film? sarà lei quella che vorrà rivedere i film che mi piacciono? che mentirà e li vedrà anche se non le piacciono?” per poi chiedermi “e come farò se i film non le piacciono?”. Dai film cominciavo a domandarmi se fosse stata l’ultima con cui avrei fatto, l’ultima con cui avrei sentito. Cercavo di capire se erano le persone giuste. Le osservavo di sbieco mentre guardavano i film, cercavo di capire se fossero interessate. C’era chi guardava il film e non capiva niente, chi guardava il cellulare fregandosene e chi sbirciava con la coda dell’occhio verso di me per capire se il film fosse solo il preludio o la scusa per una mossa successiva. C’era chi cercava di sfiorarmi la mano per cercare un contatto fisico che io, pur bramando, non avrei azzardato per colpa della mia timidezza. Vedere i film era un test. Alla fine ho capito che era quella giusta quando mi sono seduto accanto a lei e ho visto il film senza farmi domande. Perché lo sapevo, lo sentivo. E le nostre mani si sono sfiorate perché le cercavamo entrambi, con imbarazzo e dolcezza. E questo film lo riguarderemo ancora. E ancora.

Quando meno te lo aspetti

Immagine

Ancora, noi

Vederti,
insignificante per me,
uscire in gruppo,
guardarti,
pettegolezzi,
sempre meno gente in giro,
conoscerti,
poi a casa mia,
uscire da soli,
ancora,
sfiorarsi,
contorni,
parole,
non ti ascolto più,
il vento freme tra i tuoi capelli,
ballare,
abbracciarsi,
scriversi,
arrabbiarsi,
uscire,
ancora,
baciarsi,
e poi,
ancora,
noi.

La regola del fuorigioco – Andrea Irto [ANTEPRIMA ESCLUSIVA!]

Ho l’onore e il privilegio di ospitare sul mio blog in esclusiva (ascoltabile solo qui proprio proprio eh!) questa canzone di Andrea Irto, una delle 14 del suo nuovo album in uscita il 25 Novembre. Non è fuori tema rispetto al blog, nonostante il titolo che potrebbe portarvi a pensarlo. Ho scelto questa canzone perché mi ha fatto pensare ad alcuni miei ragionamenti sull’amore, sulle relazioni e su quanto chi ci sta accanto è accanto a noi nonostante alcune mancanze. E’ una canzone intelligente, non melensa e che sa di quotidiano. Il sapore che dovrebbe avere qualsiasi rapporto. Eccola qui, e poi alcune riflessioni in merito (senza straparlare) e in fondo anche i suoi dettagli social per stalkerarlo!

Già l’inizio della canzone mi fa riflettere se veramente l’amore e il dolore siano la stessa cosa e a cosa mi sia risposto tutte le volte. La poca coerenza, per fortuna, di quando si manda a quel paese e invece poi si ritorna con parole dolci perché, in fondo, è quella la strada giusta. E poi tutte le volte che, pensandoci, non sono stato all’altezza o non ho fatto quello che ci si aspetterebbe di fare. Come chiamarla amore (perché quello è e lo sai) o portarle un fiore a San Valentino o aiutarla con degli scatoloni da spostare.
La sorpresa? E’ che ci sei tu, che c’è lei. E lei è quella giusta. Non solo perché continua ad esserci ma, come dice il buon Andrea, perché conosce anche la regola del fuorigioco.
Cosa vuoi di più?

ISCRIVETEVI AL SUO CANALE YOUTUBE!
https://www.youtube.com/channel/UClPJLCeqkNcgHdRWMc8f9Pg?view_as=subscriber

E FATE MI PIACE ALLA SUA PAGINA
https://www.facebook.com/andrirtofficial/

Foglie morte

C’è che mi piacerebbe essere come quella foglia morta che si stacca dall’albero e finisce sui tuoi capelli e tu lentamente mi sposti,seccata e pensierosa. Non vorrei essere il rossetto che porterai,perchè il rossetto si caccia via dopo una bella serata. C’è non mi hai mai chiesto di scriverti niente eppure io continuo a farlo. C’è che mi piacerebbe essere un libro che leggi più volte e sentire i tuoi polpastrelli che mi sfiorano. Quando mi arrabbio vorrei che tu fossi una stella,così lontana e distante dalla mia rabbia. Ma le stelle le vedono tutti e non vorrei che tu diventassi commerciale. C’è che ti voglio e i treni sono troppo lenti e gli aerei troppo poco poetici. Se guardo le coppie in giro per la città penso a noi, aspetto te. C’è che le tue spalle forse hanno bisogno della mia giacca. Lo sai che continuerò a scrivere su di te e magari quando non scriverò più è perchè te lo starò finalmente sussurrando. C’è che queste mie amorevoli e maledette foglie morte continuano a cadere, ma tu non passi mai sotto i miei alberi.

Voci precedenti più vecchie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: