Custodire

Mi interessa il tuo modo di pensare
e di vedere le cose.
Mi piace il modo in cui le assorbi
con le tue pupille,
le assapori con le tue labbra,
e le custodisci con quelle mani.
e le fai tue.
Mi piace che,
dopo tutto questo pensare, vedere e assorbire il mondo,
torni sempre ad assaporare le mie labbra
mi custodisci tra le tue mani
e mi fai tuo.

Dove ti vedo bene

Occhiali?
Lentine?
Laser?
Quanti gradi mi mancano?
Ti confesso
che non mi interessa
vederti da lontano.
Vieni qui,
dove sto indicando col dito.
E’ qui accanto a me
che ti voglio vedere
e ti vedo bene.

Pensi che

Pensi che
alzare il collo del maglione
fino quasi a coprire i tuoi occhi
mi impedisca
di baciarti
o che sottolineare la distanza
chilometricamentre abissale tra noi
mi faccia desistere
dal fare ore e ore di treno per venire da te?
In realtà non so risponderti ma,
nel frattempo che ci penso,
apri il portone che sono sotto casa tua.

Interessi

​”Se gli interesso, 

scriverà per primo”

dissero entrambi.

E di nessuno 

si ebbe più notizia.

Continuarono 

le loro vite

incolpando l’altro 

del mancato gesto

ma rimanendo con le mani

vicine a quella bozza di “ciao”

che poteva portare lontano.

Non scrivi mai per me

“Perché non scrivi mai per me?”
mi chiedesti
facendomi la linguaccia
e scappando per farti prendere.
Ma tu non sai
quante cose ho scritto
guardandoti nel profondo degli occhi
senza aver bisogno di penna
quaderno
o tastiera.
E io continuo a correre
senza prenderti mai.

Chiavi e sogni

​Addormentati dopo di me

per vagare assieme nei miei sogni

poco dopo averli iniziati.

Tanto lo sai solo tu

che ogni notte

lascio la porta socchiusa

per farti entrare.

Altrimenti, inizia tu.

Tanto lo so solo io

che ogni notte 

lasci la tua chiave 

appesa con un filo a quella stella.

A duemila

Credimi,
ho provato a non andare a duemila dall’inizio.
Ma è un mio difetto di fabbrica
che non ho molta voglia di sistemare.
Anche se dovesse voler dire
rimanere intrappolato
in quella fiammata
mentre tu sei fuori
dal quel cerchio di fuoco
che mi guardi bruciare
con l’accendino
e la tanica in mano.

Voci precedenti più vecchie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: