Biglietto, prego

Capita nella vita di sentirsi passeggeri di un treno che non siamo sicuri sia il nostro, nonostante abbiamo controllato mille volte il binario, l’orario e la destinazione. E controlli più volte il biglietto, mentre altre persone salgono sul treno e cercano il loro posto e ti senti seduto in quello sbagliato, perché pensi di esserti seduto al loro posto. E resti in ansia e pensi che sicuramente di manderanno via e farai brutte figure e sarai giudicato, finché qualcuno non ti controlla il biglietto e ti dice che è giusto e puoi restare. Quante volte hai aspettato che qualcuno ti desse il suo benestare per sentirti giusto come e dove sei?

Sintetico

A furia di essere sintetico

per rispettare soglie basse

di attenzione

ho finito per preferire

il silenzio.

Ma anche su quello

mi dicono

di tagliare corto.

Tsunami cardiaco

Si dice che, prima di morire,
il cervello mandi una scarica
chiamata tsunami cerebrale che investe tutto il corpo
prima della fine.
Quando finisce una storia
io credo che ci sia una sorta di
tsunami emotivo,
o tsunami cardiaco,
che manda un’ultima scarica
prima della fine
per farci dire che
almeno, fino all’ultimo,
ci abbiamo provato.

A volte

A volte vorresti non avere ragione,

darne a tutti senza pensare.

Ascoltare il tuo cuore che dorme

dopo tanto pulsare.

Ci vorrebbe una vita

dove la causa resta causa

senza aspettarsi alcun effetto.

Una vita di cui sei spettatore

senza pagarne il biglietto

e le conseguenze.

Vorrei dirti (per n. E.)

Vorrei dirti che questo nome che porto, e che da bambino mi creava problemi perché poco comune, ormai mi fa gasare tantissimo e si presta ad un’infinità di soprannomi e nomignoli che mi fanno sentire sempre in intimità con le persone. Vorrei dirti che non ho preso più un paninello all’olio dall’ultima volta che siamo andati assieme al forno, proprio quello vicino a quella farmacia, e abbiamo attraversato la città per tornare a casa. Che ricordo quando volevi comprare le bombette ma poi abbiamo capito che non era il caso. Vorrei dirti che ricordo quando rimasi male per la morte del mio anatroccolo ma so che non è stata colpa tua e che gli hai dato degna sepoltura – alla quale porgevo omaggio quando venivo a casa vostra. Guardo le tue foto sorridenti assieme a me vestito da indiano, e vorrei dirti che quella spina messa male non era stata una mia responsabilità. Ricordo che il tuo rimprovero, seppur amorevole, è stata la nostra ultima vera conversazione. E che questa cosa continua a tormentarmi dopo decenni. Ricordo il nostro ultimo sguardo, il tuo volermi parlare a tutti i costi. E nel mio cuore penserò sempre che volessi dirmi che sapevi che non era colpa mia aver messo la spina della luce in modo sbagliato. E mi va bene così.

Il lungo abbraccio della notte

Il lungo abbraccio della notte
ti prende all’improvviso
quando pensi di non averne bisogno.
Il lungo abbraccio della notte
prende a pugni i sognatori,
accarezza le speranze più nascoste,
ti fa decidere di non decidere.
Il lungo abbraccio della notte
si inebria e ubriaca di oscurità
illuminando ogni voglia distruttrice,
galvanizzandola,
fino a farci dubitare di noi stessi.
Il lungo abbraccio della notte
ti sembra empatico,
ma ti zittisce
quando gli fai notare
come ti fa sentire la sua presenza.
Il lungo abbraccio della notte
non lo vorresti mai,
ma ti lasci scaldare
dal pensiero che almeno questo buio, domani,
ti faccia venir voglia
di volerti un po’ più di bene.

Quella fase

In quella fase in cui sono più gli anniversari

dei compleanni.

Dove le candele spente non sono sulle torte

ma sui marmi.

Dove la terra si spera sia lieve

ma non per piantare fiori.

Nella fase dove chiudi gli occhi,

ti svegli all’improvviso

e non vuoi raccontare cosa hai sognato.

Dove non vuoi dormire

per non dimenticare, per non perdere tempo.

Dove è meglio tardi che mai

ma quando è tardi,

è tardi.

Parabeni, paremale

Ricordo quanto tempo perdessi

a leggere le etichette dei prodotti

del tuo bagno

per trovare il coraggio di parlarti

quando mangiavamo

a casa tua.

Conosco a memoria

la composizione dei profumi che metti

quanta la frutta nel tuo shampoo

e se hai parabeni sulla pelle.

Ma non conoscerò mai

il sapore di un tuo bacio.

Controsenso

Dove avevi messo
passo carrabile,
ci parcheggiavo sempre
il mio cuore.
Dove mettevi un limite
io lo superavo sempre.
Del resto,
anche quando amarti
era controsenso,
io sono andato dritto
per la mia strada.

Indifferenziata

Mi hai gettato
nell’indifferenziata
anche se avevo
gli occhi
umidi
di pianto,
il cuore
di vetro
fatto in mille pezzi
e i miei castelli
di carta
non ancora marciti.

Voci precedenti più vecchie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: