Ioleggoperché

GENTE DI RIMINI E DINTORNI (o chiunque voglia/possa esserci):
E’ con grande emozione che annuncio la mia presenza al contest “Ioleggoperché” con l’istituto Einaudi-Molinari la cui grandissima gentilezza non ha limiti – oltre che follia (in positivo).
A quanto pare i ragazzi dovranno sorbirsi uno dei miei sproloqui il giorno 28 di codesto mese! Per fortuna si esibiranno anche loro con varie attività per alzare il morale della situazione!
Li ringrazio ancora di cuore e spero che non abbiano a pentirsene 🙂
Venite numerosi!!!!

image1

Annunci

Canottiere poco giovanili (5 anni esatti)

Cinque anni fa esatti, seduto su una sedia, con la canottiera poco giovanile, i pantaloncini e tante cose che mi frullavano in testa, decisi di iniziare una nuova avventura. Per non essere prolisso come sempre, lanciai due dadi: due sei. “Queste sono le righe del blog”. Cinque anni fa è nato dodicirighe, da cui parte tutto. Non smetterò mai di ringraziare chi mi ha seguito dal primo momento. Chi mi ha consigliato e criticato. Chi mi ha considerato pazzo nel decidere di pubblicare un libro e chi è venuto alle presentazioni. Ringrazio chi mi ha ispirato a sua e mia insaputa, ringrazio tutte le persone che ho incontrato. Ringrazio le parole gentili, coloro che si sono immedesimati, i messaggoi, i disegni, gli insulti e i troll. Oggi sono cinque anni e sono stati cinque anni pieni e bellissimi che non cambierei mai. L’avventura continua, perché il cuore di un romantico senza speranza non si può fermare qui ma batte sempre. Dodicirighe non è per forza autobiografico, ma sono io. Un abbraccio a tutte/i voi, siete qualcosa di straordinario. Siamo qualcosa di straordinario. AD MAIORA! Il vostro Curi

Ferragosto sei tu

Ferragosto è il falò dove ti ho incontrata. È la birra (la tua) che mi hai offerto e sono io che, noncurante di eventuali conseguenze, la bevo. Non so cosa avesse la tua bocca, quella che avevi appoggiato alla bottiglia, ma sta di fatto che la cercai per tutta la notte.
E la cerco ogni estate, ogni ferragosto, nel falò che faccio nella mia testa ad occhi chiusi, sperando di incontrarti.
Per offrirti la mia birra.
E un bacio.

La ragazza del bacio

Voglio che tu sia la ragazza
alla quale sposto i capelli
dietro l’orecchio,
che segue il gesto
con la coda dell’occhio.
La ragazza alla quale aumenta il battito
nella frazione di secondo che va
da quando guarda la mia mano
a quella nella quale,
senza dire niente,
la bacerò facendole chiudere gli occhi
e incrociando i nostri sguardi oltre i nostri sogni.

E’ notte – video

Spero che il video possa piacervi, fatemi sapere mi raccomando! 🙂
E grazie per il vostro supporto, siamo arrivati a 10k followers su Instagram!!! Grazie grazie grazie!!!

Video

Per un momento, ci ho creduto

Testo (che differisce un po’ da quello dell’audio):
Ogni tanto ho un desiderio. Stasera ho quel desiderio. Il desiderio di spegnere la luce della mia stanza, aprire la finestra e schiacciare le stelle una ad una per avere il buio completo in sintonia con quello che provo nel momento che vivo. Per un momento, per un solo momento ci ho creduto. Ma preferisco parlare in seconda persona. Ci hai creduto. Quel momento che dura mesi, anni, nei quali dici nulla ma vorresti tutto e quel tutto e lei. E pensi sempre di averlo in pugno, pensi di avere in pugno i tuoi sentimenti. E invece non hai nulla, hai quel nulla che continui a dire che cerchi. E nulla avrai. Ma io stavolta, come altre volte, ci avevo creduto. Cosa vuoi che ti dica, parlo con lei adesso, cosa avrei dovuto dirti. Cosa avrei dovuto fare. Io penso sempre che i miei gesti siano chiari. Ma invece no, sono solo troppo educato. Troppo buono. Troppo signore. Anche stavolta ho avuto nulla e tu nulla volevi da me. Cerco il tutto da chi non vuole nulla da me, forse questo è il vero problema. Io vorrei qualcuno che volesse tutto. E io lo darei. Se il nostro tutto, se i nostri tutto, si incontrassero, scoppiassero, allora quel cielo senza stelle (perché le ho schiacciate una ad una) si riempirebbe coi nostri sogni e con ciò che proviamo. Allora lascerei la finestra aperta, la luce spenta, ma non andrei in cielo a schiacciar nulla. Ma lo guarderei con te, senza muovermi da dove sono. Perché mi piace proprio stare accanto a te. Che sei il mio tutto.

Video

Hanno visto (M) – video!

[VIDEO CON AUDIO] Cosa succede quando uno scrittore e una ballerina si incontrano?
Questa era la domanda posta qualche tempo fa.
Io e Arianna, in modo molto improvvisato, senza alcun mezzo tecnico a disposizione se non il mio cellulare (e un filtro bianco e nero in post produzione con Movie maker!) ma mettendoci impegno e cuore in poco meno di due ore, abbiamo voluto unire due forme di arte che ci rappresentano: la scrittura e la danza. Non ci sono state prove, non abbiamo programmato nulla, non c’è stata regia o altro. Quello che abbiamo sentito in quel momento lo abbiamo rappresentato.
Siamo molto nervosi nel condividerlo con tutti voi ma sappiamo che questi siamo noi.
Ringraziamo i tre ragazzi di Villa Pamphili che hanno avuto la pazienza di riprenderci mentre si stavano comodamente rilassando sull’erba (taggatevi sotto il video!)
E io, che sto postando questo video e ho messo solo le parole, ringrazio colei che ha espresso con movimenti perfetti ciò che io non avrei saputo fare con un singolo spostamento della mia mano.
Buona visione e fateci sapere cosa ne pensate 🙂

Curi

Video

Voci precedenti più vecchie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: