Aprile-Ottobre (Novembre)


Con il tempo incerto, cioè quando sotto le magliette o la camicia hai ancora la canottiera, ecco con questo tempo eri arrivata. Ed ero incerto anche io. Non parlavo la tua lingua. Era aprile. Tu avevi caldo come tutti quelli dei paesi nordici. Con una folata di vento era maggio, e prendevamo il gelato in zona Monteverde. Gusti alla frutta. Mi hai asciugato la faccia sporca di mango, ed eravamo a Giugno in spiaggia. Ti piaceva schizzarmi con l’acqua, immergevi i piedi come se fosse l’Oceano. Io facevo il contenuto, non mi spogliavo. Mi hai baciato, metà luglio, con 30 gradi all’ombra dell’albero sotto casa. Sudavamo imperterriti, anche con quell’acquazzone del 15 Agosto. La città era vuota e io ti baciavo. Nessuno che mi chiedeva di spostarmi dal mezzo del marciapiede, tranne davanti alla scuola elementare dato che si era fatto il 10 settembre. Ad Ottobre, dal finestrino, mi saluti. Incerta. Bussano alla porta, è novembre. Sei tu, sono certo. Anche tu.

Playlist aggiornata 😉 Buon ascolto, ne vale davvero la pena!

Annunci

19 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. tachimio
    Mag 17, 2015 @ 22:06:04

    Mi piace molto il gioco dei mesi, il tempo che fugge e già si arriva ad ottobre. Sì, mi piace. Un abbraccio. Isabella

    Rispondi

  2. Silvia
    Mag 18, 2015 @ 07:26:15

    Bel periodo, sia che sia un racconto oppure no 🙂

    Rispondi

  3. amanda
    Mag 18, 2015 @ 07:39:37

    altre dodici righe per natale e capodanno e per quando la luce inizia a dareil sentore del rinnovamento, perché questi due non si fermano mica lì

    Rispondi

  4. newwhitebear
    Mag 18, 2015 @ 15:48:30

    ogni mese un pensiero. Un pesiero che riempe un mese. Un gioco intrigante di parole.

    Rispondi

  5. fulvialuna1
    Mag 18, 2015 @ 16:40:04

    Una cronaca d’amore così breve ma che racchiude tanto, tutto, ancora non mi era capiatato di leggerla. Ci volevi tu, la tua sensibilità, la tua originalità.
    Bella!!!

    Rispondi

  6. mariannapuntog
    Mag 18, 2015 @ 18:58:40

    Davvero particolare – strano e piacevole – questo scorrere di mesi – ha tirato – l’attenzione

    Rispondi

  7. Viaggiando con Bea
    Mag 18, 2015 @ 20:37:58

    Scrivi in un modo così leggero che sembra di vivere le scene che racconti. Senti il sibilo del vento, la vedi mentre delicatamente e con un sorriso ti asciuga il viso sporco di gelato e vedo il vostro slancio. Ma sarà pura fantasia? Un caro saluto Bea

    Rispondi

  8. mondidascoprire
    Mag 19, 2015 @ 15:37:26

    Il tempo vola in buona compagnia…ciao 🙂

    Rispondi

Lascia un commento,un pensiero, ciò che vuoi (Leggi bene le regole del blog se non le conosci o non le ricordi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: