L’ultima sera (Salutarti)


“Doverti salutare l’ultima sera, dover riempire il vuoto tra i nostri occhi con dei puntini sospensivi mentre il mio cuore era pieno di malinconia e la mia mente di ricordi, è stato uno dei momenti più difficili. Stringere i pugni per essere più forte quando invece avrei voluto tenerti per mano. Essere insicuri sul fissare questo momento nella memoria perché potrebbe essere l’ultimo oppure lasciar spazio soltanto al passato. E guardo te, la tua porta, il campanello che sarà pieno di mie impronte digitali e di sussulti del mio cuore tutte le volte che aspettavo che mi aprissi. E le tue labbra che non hanno segni delle mie. La mia esitazione odora di adolescenza tardiva, le mani nelle tue tasche sembrano cercare le parole che non escono. Eccola: la difficoltà del non voler essere banali, la semplicità di intere giornate trascorse assieme che rischiano di essere inzuppate di cliché dell’ultim’ora di saluti. Chiudi gli occhi. Li chiudo anche io. E la mattina ti porta via con sé.”

Annunci

40 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Allegria di nubifragi
    Apr 16, 2013 @ 19:58:50

    Ho sempre ammirato e invidiato chi sa parlare d’amore…

    Rispondi

  2. elisabettapendola
    Apr 17, 2013 @ 09:15:00

    congratulazioni tesorella, sei in un club ristretto! questo non è un premio ma un riconoscimento per i miei blog preferiti. tu sei tra questi. da oggi sei ufficialmente Betty approved! (maggiori info qui:http://elisabettapendola.com/2013/04/15/intermezzo-melodrammatico/ )- ti conferisco il fiocco lo puoi appuntare dove ti pare (anche in bagno) 😉 ce l’ha anche Imma di DolciAGoGo nella sidebar! : http://elisabettapendola.files.wordpress.com/2013/04/betty1_02.png?w=600

    Rispondi

  3. Ian Saiin
    Apr 20, 2013 @ 13:45:56

    Ciao-1-! Qui-2- c-3-‘è-4- un-5- premio-6- per-7- te-8-! In-9- dodici-10- parole-11-
    http://iansaiin.wordpress.com/2013/04/20/very-inspiring-blogger-super-sweet-blogging-awards/ Ciao-12-! 😉

    Rispondi

  4. Curi
    Apr 20, 2013 @ 16:33:04

    direi che son 12 perfette! e grazie ancora! 🙂

    Rispondi

  5. elisabettapendola
    Apr 26, 2013 @ 11:07:46

    Puango

    Rispondi

  6. Flash Game (@NtnLive)
    Apr 28, 2013 @ 06:12:13

    salutare una persona che si allontana per un lungo viaggio e sempre strazziante a mio parere perchè nessuno vorrebbe privarsi della persona cara.

    Rispondi

  7. Straf
    Mag 04, 2013 @ 14:29:25

    cavolo, se mi piace…

    Rispondi

  8. Silver Silvan
    Giu 01, 2013 @ 14:11:23

    Ma come si fa ad essere così imbranati?! Senta, quando conosce una ragazza le deve fare delle domande precise. Ad esempio, chieda cosa le piace ricevere. Se le risponde “fiori, cioccolatini, libri e dischi” quella nella banalità e nella tradizione ci sguazza. Con una così voler essere originali è fatica del tutto sprecata. L’ovvietà modaiola la riservi a chi le risponde “orchidee (o orrendi bonsai storpiati), roba macrobiotica, libri zen, buoni per massaggi e trattamenti estetici”. Se invece le rispondono, che so, “semi, poesie, CD fatti appositamente per me, un picnic a sorpresa” si preoccupi. La tipa è esigente all’ennesima potenza. Ha capito? Dica di sì, se no che ho scritto a fare? Uff.

    Rispondi

  9. Trackback: Momento revival di dodicirighe (III) | dodicirighe
  10. 65luna
    Mar 08, 2014 @ 17:01:43

    Evocativa…Buona Serata,65Luna

    Rispondi

  11. rinaldoambrosia
    Mar 08, 2014 @ 17:56:03

    bel brano… piaciuto 🙂

    Rispondi

  12. nunziatullio
    Mar 08, 2014 @ 18:28:32

    Prezioso racconto…
    Compllimenti!

    Rispondi

  13. robertoferro
    Mar 08, 2014 @ 19:16:29

    Si tratta di uno dei blog letterari più interessanti esistenti attualmente. Anche i testi pubblicati sono di qualità, si nota un afflato internazionale…

    Rispondi

  14. Frator-solovignette
    Mar 08, 2014 @ 23:50:37

    Incerto è chi passa e non comprende, perché le case, gli occhi e i desideri, si illudono che tutto è solo giorno, o la la leggerezza di una mano incerta se premere il campanello e poi la notte e il risveglio che è già memoria. Auguri Curi.

    Rispondi

    • Curi
      Mar 09, 2014 @ 00:15:25

      Caro frator grazie di questo commento intenso (: l incertezza e la tenerezza si mescolano un po in questo pezzo, o almeno spero di averlo trasmesso (: la mano è leggera e pesante all stesso tempo per tutti I sentimenti e le sensazioni che ci sono 😉
      A presto e grazie ancora!
      Curi

      Rispondi

  15. gelsobianco
    Mar 10, 2014 @ 02:32:37

    Ah, la malinconia dell’ultima volta!
    Tu sei riuscito a farla sentire colma.
    L’incertezza dei comportamenti è vera e fa cogliere gli stati d’animo turbati del momento.
    A me è giunta anche la tenerezza del non-detto.
    Le parole, talvolta, rovinano ciò che è stato molto vivo, cercando di spiegare l’inspiegabile.
    Meglio non dire.
    Il non -detto dice più del detto in queste circostanze.
    Allora chiudiamo gli occhi.
    L’ultima notte.
    Al risveglio è già tutto parte del passato, è ricordo.
    Bellissime dodici righe, Curi. Sì, decisamente uno scritto valido.
    Ti sorrido
    Grazie.
    gb

    è mattino presto. rivedo le porte di un ascensore che si chiudono sullo sguardo chiaro e attonito di una ragazza che rientra nel suo appartamento, sentendosi un fiore sfiorito.
    neppure un saluto, il più semplice , è stato detto tra lei e il ragazzo che va a prendere un aereo. solo gli occhi negli occhi, per un attimo troppo breve e troppo lungo.
    tutto è ormai un ricordo.
    chiudi gli occhi, ragazza. ora sei sola.
    gb

    Rispondi

    • Curi
      Mar 10, 2014 @ 10:34:54

      Direi che ci sono affinità tra la tua e la mia storia 😉 come hai detto bene, il non-detto a volte è molto più espressivo e comunica molto più delle parole. Proprio questo tipo di linguaggio caratterizza i nostri due scritti: un silenzio comunicativo e il linguaggio del corpo (:

      Grazie dell’apprezzamento gb !
      A presto
      Curi

      Rispondi

      • gelsobianco
        Mar 10, 2014 @ 21:19:09

        la mia storia, Curi, è stata buttata giù d’impulso, in piena notte, mentre ero molto stanca. non l’ho neppure riletta prima di postarla.
        ha grandi limiti quindi.

        il non- detto, il silenzio, il linguaggio del corpo sono tutto in determinate situazioni.
        tutto è in noi e viene espresso non a parole.

        a presto!
        🙂
        gb

  16. fulvialuna1
    Mar 11, 2014 @ 15:23:20

    Amore, tu ne sai parlare.

    Rispondi

  17. ili6
    Mar 15, 2014 @ 14:39:10

    Quanto sanno essere difficili certi distacchi!

    Bel brano, complimenti 🙂

    Rispondi

Lascia un commento,un pensiero, ciò che vuoi (Leggi bene le regole del blog se non le conosci o non le ricordi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: