Rottura


In una rottura si lasciano due vite intere: la vita che si è vissuta e quella che si sarebbe potuti vivere assieme. E la seconda è quella veramente difficile da abbandonare. Il non saper stare da soli, il timore di trovare la persona sbagliata, ricadere negli stessi errori. Il voler lanciarsi in qualcosa di nuovo, farsi vedere con quel nuovo dalle persone del passato per convincersi che si è voltata pagina, quando invece si dovrebbe cambiare totalmente libro. La pazzia nel pensare di essere stati sostituiti – e sentirsi in colpa pensando di star provando a fare proprio quello. Gli amici che ti dicono di fregartene, che non gli era mai piaciuta ma che 30 secondi prima adoravano, quelli che vogliono psicanalizzarti perché fregarsene è da insensibili. E anche dopo tempo sei paralizzato davanti a questo spartiacque emotivo, provando a lanciarti nel nuovo, provando a fregartene in modo sensibile e provando a non impazzire perché saprai sempre di essere sostituibile.

Playlist aggiornata! Buon ascolto 🙂

Annunci

29 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Walter
    Dic 18, 2015 @ 01:33:56

    In questi casi si ricevono dagli amici tante pacche sulla spalla e dei che mi frega tra parentesi. L’ unica cosa certa è che quando hai mal di testa il dolore lo senti te e solo te, non gli altri che. E’ un fatto.
    Ti saluto con un sorriso. 🙂
    A presto.

    Rispondi

    • Curi
      Dic 18, 2015 @ 01:45:08

      Questo è poco ma sicuro 😉 si potessero chiudere quei mal di testa dentro quelle parentesi sarebbe più facile, ma io e te non saremmo qui a parlarne 🙂
      un saluto a te e grazie!
      Curi

      Rispondi

  2. Spud
    Dic 18, 2015 @ 07:32:37

    L’essere sostituibile è proprio la verità che graffia di più, ma è l’ultimo parte della nostra “umanità”. Forse.
    Un saluto psichedelico

    Spud

    Rispondi

    • Curi
      Dic 29, 2015 @ 12:02:02

      Ciao spud! scusami ma per qualche strana ragione wordpress ti aveva messo nello spam, meno male che ogni tanto controllo! Sono d’accordo, è una parte “insostituibile” della nostra umanità quel graffio che sentiamo 😉
      auguroni psichedelici!
      curi

      Rispondi

  3. diamanta
    Dic 18, 2015 @ 08:58:53

    Pensa se non ci fossero gli amici a dirti cose che il dolore non lo tolgono, ma fanno da traghetto per momenti temporanei di quiete?

    Ognuno si attraversa da solo (nella gioia e nel dolore), ma avere compagni per tratti di percorso è un dono

    Rispondi

    • Curi
      Dic 18, 2015 @ 20:02:52

      Ciao diamanta! E’ stata male interpretata la mia frase che era solo la fotografia di ciò che spesso accade e come ci si può sentire, lungi da me criticare chi ci sta vicino 🙂

      Rispondi

  4. SuperEgoVsMe
    Dic 18, 2015 @ 09:04:54

    Queste parole fanno proprio per me in questo periodo… ed hai ragione, la vita passata, anche se ci faceva stare male ed era diventata sbagliata per noi, è davvero difficile da abbandonare.
    Molto più di quello che pensassi.
    A presto, Curi.

    Rispondi

  5. sandrapilacchi
    Dic 18, 2015 @ 09:56:25

    trovarlo qualcosa di nuovo per sostituire… il vecchio chiodo scaccia chiodo insomma. sentirsi in colpa? perchè mai? i sentimenti mutano, purtroppo o per fortuna, le fasi si alternano, è un circolo.
    gli amici? facciamo distinzioni fra amici e conoscenti. li amici ce li scegliamo, quindi dovrebbero essere AMICI – affini a te – e soprattutto dovrebbero volerti bene. e quando siamo a terra abbiamo bisogno di tutto l’affetto del mondo.
    alla fine è solo una questione di abitudini, bisogna rivolgere i nostri sogni e desideri altrove (pare facile, lo so!!!!:O) )
    mi metto ad ascoltare la playlist, grazie!
    Sandra

    Rispondi

  6. Silvia
    Dic 18, 2015 @ 12:06:30

    Nessuno è insostituibile a questo mondo, è meglio farsene una ragione ed andare avanti 🙂 Buona giornata e buon fine settimana 🙂

    Date: Thu, 17 Dec 2015 23:25:32 +0000 To: silvia-1959@live.it

    Rispondi

    • Curi
      Dic 18, 2015 @ 20:08:12

      A modo proprio nella nostra unicità possiamo sentirci tali, ma siamo anche miliardi di persone quindi il rischio è alto 🙂 a presto!

      Rispondi

      • Silvia
        Dic 18, 2015 @ 21:34:50

        Sull’essere unici siamo d’accordo, ma questo non vuol dire essere insostituibili….. 😉

      • Curi
        Dic 19, 2015 @ 15:43:34

        mai detto fosse la stessa cosa 🙂
        un bacione silvi!

      • Silver Silvan
        Dic 19, 2015 @ 00:10:32

        Ma sì, un giorno penne, un giorno farfalle, un giorno spaghetti. Quando le penne verranno a noia ci saranno innumerevoli paste alternative.

  7. tramedipensieri
    Dic 18, 2015 @ 13:40:47

    “In una rottura si lasciano due vite intere: la vita che si è vissuta e quella che si sarebbe potuti vivere assieme.”

    Beh…si lascia solo una vita…quella vissuta, l’altra è tutta da reinventare .non esiste proprio quella che si sarebbe potuta vivere assieme altrimenti sarebbe rimasta la prima ….Penso eh….

    Racconti brevi ma…incredibilmente interessanti!
    ciao
    .marta

    Rispondi

    • Curi
      Dic 18, 2015 @ 20:10:01

      Ciao marta! La vita che si è creata nel proprio cervello bacato, se nutrita di sogni e speranze, diventa quasi reale e ogni giorno che si va avanti lo è davvero 🙂 era una mia solita visione poetica senza speranza 🙂
      Grazie mille per l’apprezzamento!

      Rispondi

  8. mondidascoprire
    Dic 19, 2015 @ 09:06:11

    Penso che tutte le persone che hanno transitato nel nostro vissuto in legami così stretti rimangono presenti ,non come solo ricordo, ma come compagni di un piccolo viaggio di vita , perchè quello che noi siamo , lo siamo attraverso la relazione con gli altri. Quindi non censurare il dolore, il valore , essere seri davanti a ció che ci accade significa riconciliarci anche con le sconfitte . Un abbraccio 🙂

    Rispondi

    • Curi
      Dic 19, 2015 @ 15:45:24

      ah sull’essere seri di fronte alla vita non manca, rendere tutto un po’ poetico fa parte di chi cerca di alleggerire il tutto 🙂 sono assolutamente d’accordo sulle persone che restano comunque presenti 😉
      un abbraccio a te!

      Rispondi

  9. Silver Silvan
    Dic 19, 2015 @ 12:04:22

    Che commenti insulsi. Triti luoghi comuni. Sconfitte, dolore, chiodi, bah. Quello che ha un valore, non finisce mai. Quello che non ne ha, sì.

    Rispondi

  10. lilasmile
    Dic 19, 2015 @ 16:01:17

    Tutto può avere una fine. Non c’è niente che nella vita possa darsi per scontato. Ma ci si rialza sempre dopo. 🙂

    Rispondi

    • Silver Silvan
      Dic 19, 2015 @ 16:39:15

      Ecco, nella serie “triti luoghi comuni” cadere e rialzarsi mancava. Ma rimanete sdraiati, che è meglio. Tutta ‘sta fatica a tirarsi su per dire cazzate, ma chi ve lo fa fare?

      Rispondi

  11. lilasmile
    Dic 19, 2015 @ 16:01:46

    Un sorriso per te!

    Rispondi

  12. fulvialuna1
    Dic 20, 2015 @ 16:03:58

    Quando c’è un problema gli amici ci sono accanto, come lo erano prima nella normalità della situazione, ma alla fine siamo noi coinvolti in prima persona a dover prendere tutto ciò che le situiazioni comportano.

    Rispondi

Lascia un commento,un pensiero, ciò che vuoi (Leggi bene le regole del blog se non le conosci o non le ricordi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: