Beata ignoranza – Wiki


Che poi io a questa manifestazione nemmeno volevo andarci. Però ci andava lei, come potevo rifiutare. Cioè, lei nemmeno sapeva che io ci andavo. Mi ero informato sull’argomento, avevo letto qualche articolo e Wikipedia alla meno peggio. Avevo messo nello zaino delle combinazioni di accessori che potessero andare bene e li avrei indossati una volta al punto d’incontro, per abbinarli a lei. Lei era diventata come quei dolori acuti che durano più di quanto pensi dovrebbero: non ricordi com’è la vita prima che fossero comparsi. E non ricordavo come stavo prima di incontrarla. Ma lei non volevo che sparisse. Dicevano che ero esagerato, una cotta da studenti. Ma io ero uno studente, e reclamavo questo diritto. Ci fosse stata una manifestazione, sarei andato. Più consapevole di oggi. Eccola in mezzo al caos. Mi metto il berretto verde con la stella. “Ciao” “Chi diavolo sei? Ah ma hai il cappello, sei dei nostri! Stammi vicino!”. Beata ignoranza.

Playlist aggiornata, buon ascolto 😉 è proprio qui sulla destra eh!

Annunci

26 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ysingrinus
    Mag 05, 2015 @ 22:27:50

    La cotta come il dolore acuto che dura piú del dovuto rende bene l’idea!

    Rispondi

  2. Simone, quello di @purtroppo
    Mag 06, 2015 @ 06:03:41

    Reclamiamo i nostri diritti e i nostri rovesci. Bel pezzo.

    Rispondi

  3. maximwalker
    Mag 06, 2015 @ 06:37:44

    Era tanto dolce prima che lei aprisse bocca. Un colpo doloroso.

    Rispondi

  4. Scribacchina
    Mag 06, 2015 @ 08:18:45

    In mezzo al caos o… in mezzo al bordello? 🙂

    Rispondi

  5. magicamente73
    Mag 06, 2015 @ 08:50:13

    🙂

    Rispondi

  6. Viaggiando con Bea
    Mag 06, 2015 @ 10:00:09

    Scusa ma a me Lei sta un po’ antipatica. Non meritava la cotta di questo personaggio così dolce e romantico che attraverso le tue parole ci ha fatto rivivere l’emozione di una cotta 😦 Che bei tempi!! Un caro abbraccio Bea

    Rispondi

    • Curi
      Mag 06, 2015 @ 18:02:58

      Grazie mille Bea! 🙂 Ma in fondo è abbastanza comune che accada, non deve stupirci 😉 Però capisco perfettamente che possa stare antipatica 😀

      Rispondi

  7. mondidascoprire
    Mag 06, 2015 @ 11:01:22

    Dovremmo conservare anche da adulti il cuore di “studente”! Un abbraccio

    Rispondi

  8. fulvialuna1f
    Mag 06, 2015 @ 16:42:13

    Non sempre ciò che desideriamo o di cui siamo sicuri corrisponde poi alla realtà…

    Rispondi

  9. sarahmaria76
    Mag 06, 2015 @ 21:10:14

    Rispondi

  10. sarahmaria76
    Mag 06, 2015 @ 21:35:22

    Eheheh! Grande 😉

    Rispondi

Lascia un commento,un pensiero, ciò che vuoi (Leggi bene le regole del blog se non le conosci o non le ricordi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: