Mente, occhi, cuore e ragione.


Albert aveva atteso tanto. Il suo cervello non voleva risposte. Ma la mente, mente.
Arrivò a fare idiozie: darsi delle scadenze. “Se non mi risponde entro tre giorni, è finita”. Ma arrivato il giorno, tutto slittava per giustificazioni anche surreali: “saranno arrivati gli alieni dalle sue parti”, “non avranno inventato la penna”, “si è tagliata tutte le dita della mano”.
Ma in fondo la cosa che gli faceva più male non era l’assenza di parole stampate che suggerissero un suo interesse, ma l’aver compreso a distanza di tempo che l’aveva dipinta con gli occhi che non aveva più avuto da molto.Gli occhi lucidi, gli occhi dello sguardo “da pesce lesso”.  Gli occhi che non voleva più avere.
Gli occhi del cuore.

Il cuore conosce ragioni che la ragione, in fondo, conosce da sempre.

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. masticone
    Set 07, 2012 @ 09:55:55

    grande

    Rispondi

  2. Curi
    Set 07, 2012 @ 10:00:25

    grazie mille !

    Rispondi

  3. Trackback: Mille ringraziamenti e ricapitoliamo – sforando le dodicirighe « dodicirighe

Lascia un commento,un pensiero, ciò che vuoi (Leggi bene le regole del blog se non le conosci o non le ricordi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: