Un cappello di ricordi


Si lasciava cullare dai ricordi di quella sera in cui tutto poteva immaginare tranne di incontrare lei, con quel buffo cappello.In quel solo momento, in quell’istante, aveva deciso che quella piccola figura era intelligente e interessante. Senza nemmeno averci scambiato una parola. Così si avvicino e oscurò il suo amico alto quasi due metri. Lo scansò semplicemente parlandogli sopra e introducendosi “Ciao, mi chiamo Pablo. Ti sta bene il cappello!”.                                                 Parlarono e lui non riusciva a staccare gli occhi dalle sue labbra. Se li sarebbe fatti mangiare e avrebbe continuato a lasciarla parlare con la bocca piena.
Quando lei cominciò a salutare per rientrare a casa, anche lui cominciò a congedarsi e, nonostante lei abitasse accanto, le offrì un passaggio “ma tu abiti da tutt’altra parte, dovrai fare il giro!”. Non sarebbe stata la prima volta che l’avrebbe sentito dire, e mai le diede occasione per smettere di dirlo.

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: Mille ringraziamenti e ricapitoliamo – sforando le dodicirighe « dodicirighe

Lascia un commento,un pensiero, ciò che vuoi (Leggi bene le regole del blog se non le conosci o non le ricordi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: