Parità


Probabilmente lo sapevi già. Averti mentito ha corroso la nostra storia. Come quando un frutto ammuffito ne tocca un altro: si ammacca, a sua insaputa o meno. E il tuo cuore è stato colpito da questo color verde acido che ci ha consumato. E’ stata debolezza,perché solo con una persona debole ho potuto far finta che tu non esistessi. Potrei dirti che sei stata troppo impegnata, che non mi hai calcolato, che non sentivo la passione. Posso dirtelo e dirti che c’è amore? A volte ho sperato che anche tu mi avessi tradito contemporaneamente, ma poi pensavo che non ti avrei mai perdonata. Sei davanti a me, non dici una parola e il tuo silenzio mi stordisce. Sto aspettando che urli o che indichi la porta. Sorridi. Dovrei essere felice, ma la velocità del tuo gesto non mi piace. Il tuo tornare tardi, il tuo nuovo taglio di capelli che noto solo ora. Sembri più sollevata di me. Capisco che essere pari per certe cose non funziona e sono io che ora non potrò mai perdonarti.

Playlist aggiornata 😉

Annunci

18 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Veronica Adriani
    Lug 09, 2013 @ 12:59:39

    Essenziale, lineare, sottile come sempre. E, come sempre, colpisce senza bisogno di tirar dentro inutili questioni morali. Bravo, bravo, bravo.

    Rispondi

    • Curi
      Lug 09, 2013 @ 13:20:21

      Grazie mille (:

      – per la moralità non è che io ne sia privo ma, come dici tu, a volte è inutile farne questioni. hai colto nel segno 😉 –

      Rispondi

  2. Lorena
    Lug 09, 2013 @ 13:07:09

    un “like” a volte è davvero poco, ma non so esprimere bene con parole il concetto che ho in mente e che si avvicina solo alla frase “già, comprendo cosa vuoi dire”. Bel post.

    Rispondi

    • Curi
      Lug 09, 2013 @ 13:23:04

      Ti confesso che non è stato semplicissimo scrivere la conclusione, sebbene fossi in loop sul “so già cosa voglio dire” (:

      Grazie davvero, son contento che ti sia piaciuto – spero che aver capito dove volessi parare non lo abbia reso troppo banale 😉

      Rispondi

  3. Jeremy Merrick
    Lug 09, 2013 @ 13:36:23

    Molto bello, va a segno!

    Rispondi

  4. Insenseofyou
    Lug 09, 2013 @ 13:58:01

    Senza me, con te..

    Rispondi

  5. Insenseofyou
    Lug 09, 2013 @ 14:13:39

    In espansione, direi… 🙂

    Rispondi

  6. Allegria di nubifragi
    Lug 11, 2013 @ 21:29:40

    Il tuo modo di parlar d’amore mi fa invidiarti… te l’avevo già detto…

    Rispondi

  7. Trackback: Momento revival di dodicirighe (IV) | dodicirighe
  8. belindaraffaeli
    Apr 09, 2014 @ 05:13:32

    Pathos crescente. .con coup de théâtre finale. Bravo!

    Rispondi

  9. ninjalaspia
    Apr 09, 2014 @ 06:38:41

    hai la straordinaria capacità di descrivere anche i sentimenti più complessi e sottili con una scioltezza e naturalezza da vero autore.

    Rispondi

  10. fulvialuna1
    Apr 09, 2014 @ 19:30:09

    Non c’è mai parità quando accadono certe situazioni, ognuno perde e vince in modo diverso.
    Bella, molto. Quel “verde acido” per me è la chiave di questa storia.

    Rispondi

    • Curi
      Apr 09, 2014 @ 20:39:13

      Un pò una sconfitta per entrambi forse, anche se in apparenza può sembrare un pareggio o una vittoria per uno dei due.
      Il verde acido è un colore pericoloso: corrosivo e contagioso 😉

      Grazie fulvia! A presto!

      Rispondi

Lascia un commento,un pensiero, ciò che vuoi (Leggi bene le regole del blog se non le conosci o non le ricordi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: