Vertigini – oltre le dodici righe (II)


Anche in questo caso il post va oltre la sua lunghezza usuale. Anche in questo caso era stato originariamente postato su un altro blog che ora non c’è più. Anche in questo caso, spero che mi perdonerete e vi auguro buona lettura e buon ascolto della playlist! 😉

Non era una cosa che avrei mai fatto in precedenza.
Mi sono sporto da pendii costieri e da punti che superano idealmente il primo piano di un palazzo – mio limite per le vertigini di cui soffro sin dalla nascita.
Ma non ho avuto paura. Non so se per la conformazione fisica del territorio o per la conformazione mentale della situazione.
“Cosa provi quando hai le vertigini?”, mi hai chiesto sapendo del mio terrore che tu non comprendevi.
“Immaginala come una forza che mi spinge verso il punto che guardo, mi si paralizzano le gambe e mi batte il forte il cuore”. Inutile dire che era la stessa cosa che provavo ogni volta che mi guardavi negli occhi.
Sembrava una scena da film, in cui la risposta a una domanda banale cela una verità più profonda, imbarazzante da dire. Un pò adolescenziale forse. Potrebbe suonare male pensarti come il mio precipizio, ma se ricordo quanto sia stato meraviglioso affacciarmi nel tuo mondo e negli abissi della tua vita, allora il paragone non è troppo azzardato.
E’ passato tanto tempo ormai, probabilmente non ci vedremo mai più.
Ma nel profondo del mio cuore ti sarò sempre riconoscente per avermi fatto provare emozioni che credevo impossibili e avermi spinto oltre le mie paure, anche se non lo saprai mai e mi ricorderai come il ragazzo che non va oltre il primo piano.

Annunci

18 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. marzia
    Nov 01, 2014 @ 20:20:27

    Un ricordo struggente che potrebbe dare le vertigini a quella che fu la tua partner,,,

    Rispondi

  2. Bloom2489
    Nov 01, 2014 @ 22:01:40

    Bellissimo…

    Rispondi

  3. sherazade
    Nov 02, 2014 @ 00:28:56

    Per ora nn leggo. Passo a dirti il mio piacere di vederti silenziosamente approvare 😉
    sherabuonadomenica

    Rispondi

  4. Silver Silvan
    Nov 02, 2014 @ 09:56:26

    Rispondi

  5. mondidascoprire
    Nov 02, 2014 @ 11:42:33

    E’ come uno specchio il cuore dell’altro , ci vediamo il nostro abisso e la vertigine è quel percepire che solo un altro è la risposta al nostro cuore, ciao

    Rispondi

  6. Lia
    Nov 02, 2014 @ 13:37:45

    Un grande amore fa venire le vertigini … sensazione bellissima da provare !

    Rispondi

  7. Orso Chiacchierone
    Nov 02, 2014 @ 13:53:07

    Questo post mi piace molto perché soffro anche io di vertigini e ne ho sofferto anche per altri motivi proprio come te!

    Rispondi

  8. sherazade
    Nov 02, 2014 @ 19:29:09

    Così spesso succede. Qualcuno è artefice del nostro cambiamento e tuttavia di noi resterà il ricordo, magari tenero, delle nostre insicurezze.
    Panta rei.
    Sherabbraccio

    Rispondi

  9. viola
    Nov 03, 2014 @ 14:27:42

    Buongiorno Curi , c’è un premio per te qui http://violetadyliopinionistapercaso.wordpress.com/2014/11/03/award-for-opinionista-per-caso-viola/
    Buon inizio settimana 🙂 Viola

    Rispondi

Lascia un commento,un pensiero, ciò che vuoi (Leggi bene le regole del blog se non le conosci o non le ricordi)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: